Licenziamento Illegittimo Schettino

Tra i recenti casi noti che più hanno scosso le coscienze degli italiani vi è certamente l’impugnazione del licenziamento del Capitano Schettino, comandante della Costa Concordia naufragata dinanzi all’Isola del Giglio.

Pare assurdo, eppure è così. Il 19 luglio 2012, trascorsi sei mesi dai noti fatti che hanno condotto alla morte di 32 persone, la Costa Crociere procedeva al licenziamento del comandante, ritenendo evidente la sussistenza di una giusta causa, atteso anche l’ingente danno economico cagionato dalla condotta del dipendente alla compagnia.

Incredibilmente tale atto veniva impugnato con lettera dell’11 settembre 2012, in ragione del fatto che il comandante Schettino non individuava alcuna giusta causa per il suo licenziamento, valutato pertanto illegittimo.

Schettino chiedeva quindi il pagamento di circa 14.000,00 euro per le retribuzioni non pagate.

La vicenda non ha ancora trovato una conclusione, a causa delle difficoltà rintracciate nell’individuazione del Tribunale territorialmente competente.

Si attende la pronuncia al riguardo della sesta sezione civile della Corte di Cassazione.

Tags: Diritto del Lavoro

x

Utilizzando il sito si accettano i Cookies, dal medesimo utilizzati, secondo l'informativa consultabile.

Accetto