Marcella Fiorini

Sede

Via Gregorio VII, 133
00165 Roma

Contatti

Telefono: 063722350

Marcella Fiorini ha fondato la propria carriera forense sull’approfondimento delle tematiche relative ai rapporti famigliari. È avvocato civilista dal 1994, con abilitazione al patrocinio innanzi alle Magistrature Superiori dal 2011, e vanta competenze ad ampio spettro nell’ambito della contrattualistica e del recupero crediti, essendo stata Curatore Fallimentare presso il Tribunale di Roma, Arbitro nelle controversie societarie e civili, ed iscritta nell’elenco dei professionisti delegabili nell'ambito delle procedure esecutive immobiliari presso lo stesso Tribunale di Roma.
Tuttavia, in misura privilegiata, Marcella Fiorini si occupa di diritto di famiglia e diritto dei minori. Obiettivi della sua attività sono la consulenza e l’assistenza giudiziale e stragiudiziale in caso di separazione e divorzio, di scioglimento delle unioni civili e delle convivenze, di affidamento dei figli minori e nei procedimenti che coinvolgono la responsabilità genitoriale. Si occupa inoltre di fornire assistenza in tutti i casi in cui sono coinvolti i diritti del minore davanti al Tribunale per i Minorenni e della persona in generale davanti al Giudice Tutelare, e dunque in materia di adozioni nazionali e internazionali, successioni, convenzioni patrimoniali.

Mediatore dell’Organismo di Mediazione forense

L’avvocato Fiorini è anche esperta nella risoluzione stragiudiziale della lite che mette a punto attraverso le tecniche della mediazione e della negoziazione assistita, acquisite mediante il conseguimento della specifica abilitazione di Mediatore dell’Organismo di Mediazione forense di Roma. Marcella Fiorini è amministratrice di sostegno, iscritta nel Registro degli Amministratori di Sostegno istituito dall’Ufficio Tutela Pubblica del Comune di Roma ed ha seguito un particolare percorso formativo per divenire curatore speciale per la rappresentanza dei minori nei procedimenti civili.
Come esperta in diritto minorile, l’avvocato Fiorini ha fatto parte del Consiglio Direttivo della Camera Minorile, partecipando in veste di relatore agli incontri di autoformazione organizzati dall'associazione ed ha partecipato al progetto pilota "Professionisti amici", organizzato dal Dipartimento Minori e Famiglia del Comune di Roma, rivolto alla prevenzione degli abusi, dei maltrattamenti e dello sfruttamento sessuale dei bambini.
È stata anche docente all’interno del "Master in diritto di famiglia e dei minori" organizzato dall’ente di formazione postuniversitaria CEIDA, e nel "Master di II livello in Diritto di Famiglia e minorile" presso l'Università LUMSA di Roma.

Gestisce un blog con le novità legislative in tema di famiglia

Oltre a gestire un blog nel quale pubblica le più recenti novità legislative e giurisprudenziali in materia di famiglia, Marcella Fiorini collabora stabilmente con la rivista "Guida al diritto" pubblicando contenuti editoriali in materia di diritto di famiglia e minorile, ed ha in precedenza collaborato con le riviste giuridiche "Responsabilità e risarcimento" e "Famiglia e Minori", curando le pubblicazioni “Comunione dei beni: le controversie tra i coniugi. Gli orientamenti di merito e legittimità su regime patrimoniale legale, atti dispositivi e scioglimento”, “Gli accordi tra coniugi prima e dopo la crisi. L'autonomia negoziale della coppia tra controllo del giudice e vantaggi fiscali”; “Figli naturali e legittimi: prospettive e orientamenti. I progetti di legge sulla parificazione, le prese di posizione dei giudici, gli aspetti successori e comparati”; “La consulenza tecnica psicologica. Dal conferimento dell'incarico alla relazione finale del perito: gli aspetti metodologici e giuridici”; “Danni endofamiliari: l'applicazione dell'articolo 709-ter del cpc. Il contenuto della disposizione, la giurisprudenza, l'adottabilità dei provvedimenti, i rapporti con i procedimenti de potestate”; “Separazione e divorzio: gli accordi sugli immobili. Dalle norme generali ai profili fiscali : un vademecum per non sbagliare”; “Nel ricercare le soluzioni più utili per la prole importante il contributo dato agli ascendenti” e “La lunga convivenza dei coniugi dopo il matrimonio non blocca la delibazione della nullità ecclesiastica: Il mancato rispetto dei precedenti a sezioni Unite indebolisce la funzione nomofilattica della Corte”.


Voto medio:
0 basato su 0 voti

x

Utilizzando il sito si accettano i Cookies, dal medesimo utilizzati, secondo l'informativa consultabile.

Accetto